@due_sorelle_sul_divano · contributors · Graphic Novel · Recensione

Recensione – Vincent Van Love – Ernesto Anderle

Scheda Tecnica

Genere: Graphic Novel Editore: Becco Giallo Prezzo: € 17,00
LINK acquisto QUI

Trama

La maggior parte delle persone pensa che Van Gogh sia stata una persona triste, pazza e malinconica. Leggendo le lettere al fratello Theo emerge invece una persona solare che amava la vita. Tratto dalle pagine Facebook e Instagram di Vincent van Love, un libro che è un abbraccio sincero, un inno alla forza delle emozioni, una rappresentazione potente della fragilità e della sensibilità umana.

Recensione

<< Voglio fare dei disegni che vadano al cuore della gente.
Voglio che la gente dica delle mie opere:
“Sente profondamente, sente con tenerezza”.
 Vorrei fare un’arte che apporti consolazione agli uomini. >>
V. VAN GOGH

Ricordo una mostra vista più di dieci anni fa a Milano, che metteva in parallelo e a confronto le opere di Vincent Van Gogh e quelle del suo amico e collega Paul Gauguin.

Ricordo l’intensità espressiva dei colori accesi, quasi tridimensionali, spessi e vibranti dei ritratti di Van Gogh, a confronto con le linee semplici e i colori luminosi e chiari di quelli di Gauguin.

Ricordo la pace e la serenità trasmesse dai paesaggi illuminati dal sole della Martinica di Gauguin, e all’opposto la malinconia, il senso di soffocamento, la solitudine della camera semivuota di Van Gogh, dei suoi campi di grano e cipressi, dei suoi cieli colmi di pioggia e stelle.

La realtà, così come osservata e dipinta da Van Gogh, toccava corde tanto profonde da far sentire fin sotto la pelle i suoi turbamenti, le sue sofferenze.

Da allora ho amato questo immenso artista come pochi altri, e ho voluto conoscerlo meglio, leggendo prima il libro che raccoglie le lettere da lui scritte al fratello Theo  (più di 600 lettere!) e cercando film a lui dedicati (se ancora non l’aveste visto, esiste un film di Robert Altman, “Vincent and Theo”, che fotografa la vita del pittore in modo magistrale).

Ed ecco perché la graphic novel “Vincent Van Love” (2019, pp. 143, euro 17) scritta da Ernesto Anderle, ed edita Becco Giallo, è finita in men che non si dica nella mia wishlist!

Ed ecco perché la graphic novel “Vincent Van Love” (2019, pp. 143, euro 17) scritta da Ernesto Anderle, ed edita Becco Giallo, è finita in men che non si dica nella mia wishlist!

E ha trovato ben presto posto nel mio cuore, perché è veramente bellissima.

Attraverso pagine di acquarelli delicati, Anderle ci racconta un Van Gogh diverso da quello a cui siamo abituati: la sua intera storia si dipana tra pennellate di colore e autoritratti, parole sospese nell’aria, ricordi, allucinazioni, sogni che si mischiano e diventano impossibili da distinguere.

Partendo dalle prime immagini della sua infanzia, il racconto si dipana attraverso il suo impegno come pastore e la sua vicinanza ai poveri e ai minatori in Belgio, ci mostra il suo approccio adulto alla tela, prima insicuro e poi via via sempre più esperto, portando all’inevitabile scontro con gli impressionisti di Parigi, alimentato soprattutto al desiderio di essere accolto, accettato. Amato.

Le immagini più dolorose sono quelle che raccontano il rapporto difficile con Gauguin, l’amore per Theo e per Sien, la bellissima luce solare della Francia del sud, il manicomio, e infine la morte in solitudine.

E’ un vero e proprio diario personale, questo libro. Ci permette di sbirciare tra le pagine e intravedere un animo sensibile, un‘arte turbata ma anche consolatoria, un pensiero gentile sempre rivolto agli altri e un occhio sognante sempre rivolto al cielo, alla luce da catturare, alle stelle da contare.

Ilaria D.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...