@jesslibri, Autori tra le righe, Collaborazione - Autori Emergenti, contributors

Autori tra le righe – @saramasvar

Scheda Tecnica

  • Nome autore: Sara Masvar
  • Titolo opera: Come chi si aggrappa al filo dei Ricordi
  • Genere: Romance, new adult, di formazione
  • Data di pubblicazione: maggio 2018

Trama

“Amiche per sempre, ce lo siamo giurate che eravamo due bambine, ce lo siamo dette mille volte che eravamo due adolescenti, ce lo siamo ripetute anche mentre le nostre strade erano al bivio. Ora tu ti sposi ed io devo starti dietro ed essere felice per te mentre non so neanche cosa voglia esserlo davvero. Ma tu lo sei davvero? Lui è l’uomo giusto per te? Ed io non posso dirti niente, perché non so se sono felice e se lo sono non è il momento giusto, non è la persona giusta.
.
Avrei dovuto dirtelo prima Silvia ma che senso avrebbe avuto? Con tuo fratello non è niente di importante, dopotutto, è solo sesso ogni tanto perché ci va. Ed ora è troppo tardi, perché ti sposi, e non ha senso rovinare tutto per te. Abbiamo tempo, per capire che donne siamo diventate e che tipo di amiche saremo.”

CONTENUTI PRESENTI SUL BLOG – SARA MASVAR

RECENSIONE – Il destino che non ho scelto

Blog Tour – Il destino che non ho scelto – Sara Masvar

Cover Reveal – Imprevedibili – Ella Moore e Sara Masvar

1° Open Blog – Come chi si aggrappa al filo dei ricordi – Sara Masvar

#masvarmoore

Social

Domande:

  • Che cosa vuoi dirci di te come persona, oltre che come autore/autrice?

Ho scoperto che ai lettori piace molto sapere tutto di chi scrive e di chi c’è, inevitabilmente, dietro alle storie che leggono. Quindi eccomi, come mi vedete sui social anche nella vita vera. Lunatica, piena di idee, appassionata di rock e poesia e cinema, un po’ folle, innamorata della vita e delle persone al limite. Un figlio, un marito, un cane, una personalità che ho represso per talmente tanto tempo che ora non sono proprio più disposta a nascondere. Invento storie da quando ho memoria, scrivo da quando ne sono capace, mi sono buttata con l’autopubblicazione solo recentemente. Ho moltissimo da dire quindi stay tuned!

  • Che cosa ti ha spinto a scrivere questa storia?

Sofia e Silvia sono nate per caso nel 2008, ho cominciato a scrivere e non mi sono proprio più fermata. C’è un po’ di me in entrambe (anche se, devo ammetterlo, c’è un po’ di me in ogni mio personaggio!) e c’è un po’ di me in tutta la storia che, però, non è la mia storia. Le ho amate e custodite per quasi dieci anni prima di lanciarle al mondo.

  • Qual è il messaggio del tuo libro?

Ci sono svariati messaggi ma credo che io possa riassumere tutto con un carpe diem. Non posso dire altro, spoilererei, ma posso assicurarvi che la vita è una e bisogna saper vivere i momenti, non solo i ricordi.

  • Che cosa vorresti trasmettere al lettore?

Credo che ogni lettore riesca a carpire il meglio da ogni storia, ogni libro, ogni scrittore. Non siamo noi che scriviamo a dare qualcosa a chi legge, è chi legge che trova quel qualcosa giusto per se stesso!

  • Come mai hai scelto questo genere?

Credo sia il genere col quale mi approccio più facilmente, anche soprattutto per il modo che ho di scrivere. Sul mio pc stazionano alcuni lavori di altri generi, in particolare distopici, ma non credo vedranno mai la luce. Mai dire mai comunque…

  • Che cosa ritieni abbia di particolare il tuo romanzo?

Forse il mio stile di scrittura, che è piuttosto singolare con scelte precise che molto spesso non vengono capite, ma va bene così ovviamente!

  • C’è un personaggio particolare in cui ti identifichi di più? Se sì, perché?

Come scritto sopra c’è un po’ di me in qualsiasi mio personaggio, nonostante questo c’è un personaggio secondario di Come chi si aggrappa al filo dei ricordi in cui mi ritrovo, forse più che in tanti altri, ed è la giovane Dafne.

  • Quando scrivi un romanzo sai già come andrà a finire la storia oppure parti da un’idea generale e poi ti lasci trasportare dal racconto stesso?

Dipende da come mi prende, di solito parto dall’idea generale e poi mi lascio trasportare, come se i personaggi scegliessero da soli qual è il loro passato ed il loro futuro. Per Come chi nello specifico però mi piace dire che il finale è stata la prima cosa che ho scritto.

  • Cosa rappresenta per te la scrittura? E a che età hai iniziato a scrivere?

Ho iniziato a scrivere da bambina, storielle ispirate a manga o personaggi che mi piacevano (fanfiction) che tenevo per me. Alle medie ho cominciato a comporre poesie (ne ho circa 500 solo sul pc, altrettante sparse fra quaderni, block notes etc) e poi nel periodo dell’università mi sono buttata sui romanzi. Per me la scrittura è libero sfogo alla mia immaginazione ma anche ai miei desideri, alle mie paure, alle mie esperienze e alle mie speranze.

  • Stai già lavorando ad un nuovo romanzo?

Da poco ho pubblicato “Il destino che non ho scelto” e sto attualmente scrivendo qualcosa che mi sta particolarmente a cuore. Ed ho altri tre lavori pronti, da revisionare, oltre ovviamente al seguito parecchio atteso di Come chi si aggrappa al filo dei ricordi.

  • Devi consigliare il tuo libro a un nuovo lettore. Cosa gli diresti?

È il cuore che sceglie le letture, per quanto mi riguarda, quindi lasciati trasportare dal cuore e dalle sensazioni. Sofia e Silvia sono due amiche intrecciate per sempre, due donne che hanno perso tanto ma che non si sono mai arrese. Se è la storia giusta per te, caro lettore, solo tu lo puoi sapere!

Domanda plus

  • Ti lascio libero/a di aggiungere tutto quello che vuoi sui tuoi romanzi e il lavoro che c’è stato dietro, o il tuo amore per la lettura e la scrittura.

Ho già parlato abbastanza di queste cose quindi inserisco una piccola chicca. Scrivo con le cuffie nelle orecchie, la musica in shuffle a tutto volume, e a seconda della canzone che passa mi concentro sulla determinata scena che sto scrivendo. Capita così che i Coldplay influenzino una scena di rabbia ed i Black Sabbath una scena di sesso. Mi dicono tutti sia strana, come cosa, ma io senza musica nelle orecchie non potrei proprio scrivere!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...