#Cinema, @nancyautrice, contributors, Recensione

Recensione – Joker

Scheda Tecnica

  • TITOLO: JOKER
  • REGISTA: TODD PHILIPS
  • GENERE: THRILLER, DRAMMATICO, GIALLO
  • ANNO: 2019
  • PAESE: USA
  • DURATA: 122 MIN
  • DATA DI USCITA: 3 OTTOBRE 2019
  • DISTRIBUZIONE: WARNER BROS ITALIA.

Trama

Joker, il film di Todd Phillips è incentrato sulla figura dell’iconico villain, ed è una storia originale, diversa da qualsiasi altro film su questo celebre personaggio apparso sul grande schermo fino ad ora. L’esplorazione di Phillips su Arthur Fleck, interpretato in modo indimenticabile da Joaquin Phoenix, è quella di un uomo che lotta per trovare la sua strada in una società fratturata come Gotham.
Durante il giorno lavora come pagliaccio, di notte si sforza di essere un comico di cabaret… ma scopre che lo zimbello sembra essere proprio lui.
Intrappolato in un’esistenza ciclica sempre in bilico tra apatia e crudeltà, Arthur prenderà una decisione sbagliata che provocherà una reazione a catena di eventi, utili alla cruda analisi di questo personaggio.
L’esplorazione da parte del regista Todd Phillips su Arthur Fleck, un uomo ignorato dalla società, non vuole soltanto uno studio crudo del personaggio ma una storia più ampia che si prefigge di lasciare un insegnamento, un monito.
Oltre a Joaquin Phoenix, il cast del film vede protagonisti Robert De Niro, Zazie Beetz e Frances Conroy.

Recensione

Ho iniziato la visione di questo film, con la consapevolezza che, essendo una pellicola che parlava di un personaggio della DC COMICS, poteva un attimino lasciarmi perplessa, invece mi sono dovuta ricredere.

Oltre ad essere un viaggio introspettivo dello stesso Joker, è anche una chiara spiegazione di come, e di cosa ha spinto il protagonista a diventare il cattivo che tutta Gotham conosce perfettamente.

La pellicola è ambientata al passato, vediamo Arthur rimboccarsi le maniche per mantenere la casa e sua madre malata. Vive i suoi giorni, con la convinzione, di eccellere nel suo secondo lavoro di cabaret, fin quando non si rende conto, che semmai è tutto il contrario, ed ignora che da lì a poco sarebbe diventato oggetto di burle.

Come se non bastasse, oltre alla vita professionale, anche la sua vita privata non gli regala certamente gioie, infatti buona parte del suo passato si rivela tutta una menzogna. Le sue reazioni non saranno delle più rosee.

Da qui subentra una personalità totalmente disordinata e malvagia, ciò gli permette di compiere azioni che all’inizio lo stesso Arthur fa fatica a gestire.

Col trascorrere della storia, anche la sua psiche gli gioca brutti scherzi, portandolo a pensare di compiere gesti estremi che però, non porterà mai a termine.

Quando si stava ormai convincendo, che forse anche per lui, c’era un posto d’onore in quella società, ecco che arriva di nuovo la delusione, si rende conto che il problema non è lui, ma la gente che gli gira attorno. Deciderà  quindi di dare svolta alla sua vita.

La pellicola cinematografica, oltre ad essere a livello di trama molto fluido e coerente alla vera storia del Joker, è a parere mio eccezionale. Joaquin Phoenix ha interpretato il Joker in maniera impeccabile, è riuscito a calarsi completamente nel personaggio, donando a me spettatrice stupore, pensa, ansia, angoscia, proprio per questi motivi meriterebbe l’Oscar. Difficilmente nei film tratti dai fumetti provo sensazioni simili (per intenderci l’ultima volta che mi sono emozionata per un film del genere, era per l’ultimo film Marvel degli Avengers).

Azzarderei a dire che l’attore, come bravura, si posizione molto vicino alle interpretazioni di Jake Nicholson e Heath Ledger.

Sarei curiosa di vedere lo stesso Joaquin Phoenix nei panni del Joker in un film con Margot Robbie nei panni di Harley Quinn.

PER CONCLUDERE:

Questo film comunica molto di più di quello che si pensi. Io ho notato, una forma di protesta, contro una società, che privilegia i ricchi, lasciando in difficoltà i poveri e i più bisognosi. Al giorno d’oggi vediamo tante persone in difficoltà, che lottano per tutta la vita per andare avanti. Mentre le persone più fortunate cosa trovano? Semplice. Porte sempre aperte. Questa non è una predica. Ma un opinione personale.

Detto ciò, consiglio vivamente la visione di questo film, e se siete deboli dinnanzi a scene violenti e crude, fatte attenzione!

Nancy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...