Amministratrice @unteconlapalma, Collaborazione - Autori Emergenti, Horror, Recensione

Recensione – Spector – Flavia Grandinetti

Scheda Tecnica

Trama

Clara, una ragazza di diciotto anni, sta per terminare il suo percorso di studi. La sua è una vita apparentemente tranquilla, come quella delle sue due amiche: Carla e Noemi. Clara, però, si troverà a dover fare i conti con quello che sarà il fantasma del suo passato, che attraverso i sogni la torturerà. Comincerà, così, un lungo periodo fatto di alti e bassi dove lei sarà l’unica protagonista in grado di capire ciò che sta accadendo. Diventerà la ragazza “strana” in un mondo in cui ciò che è strano non è consentito.

Trama

[Mi schiarii la voce. <<Al contrario può un sogno anticipare le tenebre che mi aspettano?>>]

La protagonista di questa storia è Clara, ragazza che trascorrere una vita molto semplice tra scuola, amiche e quotidianità. Però, nulla è come sembra. Clara durante la notte sogna luoghi molto oscuri e una presenta senza forma che si prende gioco di lei. Questo stato irrequieto porterà a delle scelte particolarmente discutibili ma comprensibili per una ragazza di solo 18 anni.

Parliamo di un racconto che, sotto forma cartacea, possiede solo 138 pagine, scrittura grande e spaziature ampie, quindi troverete una storia molto frettolosa e concitata.

Sotto il mio punto di vista, questo libro possiede molte dettagli che devono essere migliorati o rivisti. In primis la struttura del libro necessità di più argomentazioni perché si conclude con un finale, senza finale, quindi inutile. I personaggi come, amiche, genitori e psicologo, sono descritti o effettuano azioni che sono poco coerenti con la narrazione. Tutto è lasciato al caso senza una vera storia.

Visto che parliamo di un libro che dovrebbe, teoricamente, spaventare o impressionare sui nostri scheletri o paure, non ho mai provato nessun tipo di emozione o empatia per la protagonista. Non arriviamo a capire veramente i sogni di Clara o il perché avvengono, anche le sedute dallo psicologo sono inutili perché ci troviamo di fronte ad un professionista che non segue le necessità della paziente, anzi ignora tutto dando una pacca sulla spalla e un buon libro da leggere. E quindi?

Scelte e azioni sono dettate dall’inesperienza della scrittrice esordiente, deve lavorare ancora molto sotto tanti punti di vista.

Mi dispiace confermare la mia recensione negativa in merito, il tutto riferito già all’autrice con lunghi audio chiaritori. Come da sua risposta, il manoscritto ha ricevuto un restyling, ci tengo a specificarlo. Nella versione in mio possesso, ho riscontrato questi problemi. Ringrazio l’autrice e spero in una sua crescita stilistica.

Un bacio dalla vostra Palma.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...