Amministratrice @unteconlapalma · Collaborazione - Casa Editrice · Recensione

Recensione – La volta buona – Marilena Brassotti Ziello

Buongiorno fanciulli, oggi parliamo di un libro in collaborazione con la Brass Agency che, per me, ha scelto La volta buona scritta da Marilena Brassotti Ziello.

Noi donne del sud siamo maledettamente passionali, fedeli e tiranne. Una volta ferite non ci avrai mai più.”

Scheda Tecnica

  • Genere: Narrativa moderna e contemporanea
  • Listino: € 15,90
  • Editore: David and Matthaus
  • Data uscita: 01/04/2019
  • Pagine: 176
  • Formato: brossura
  • Lingua: Italiano

Trama

Sofia, ventisettenne, torna a Napoli delusa da una relazione di quattro anni con un fotografo con il quale ha convissuto e collaborato a Genova. Insediatasi nell’appartamento che fu di sua nonna ormai defunta incontra e conosce il piccolo Lorenzo, figlio del gestore del Grand Hotel Vesuvio, riportando nella sua vita pezzi di infanzia felice. Con il piccolo si instaura sin da subito un legame di fiducia e amicizia che “guarisce” entrambi da una solitudine pesante. Infatti due anni prima la mamma di Lorenzo si è suicidata in seguito a una forte depressione gettandosi da un balcone dell’albergo, ma per questo gesto viene fortemente accusato Gennaro, il padre del piccolo.

Recensione

La nostra protagonista è Sofia, una ragazza di 26 anni che decide di prendere in mano la sua vita e di tornare a casa a Napoli dopo una sofferente rottura con il suo ex ragazzo Filippo, un tradimento che non riesce a sopportare al punto di tornare nella sua cara terra.

[Mia nonna da piccola mi diceva che l’acqua del mare di Napoli era miracolosa. Bastava qualche goccia sulla pelle e avresti dimenticato tutto, ogni cosa. Ogni malinconia e ogni brutto pensiero.]

In tutto il libro troviamo una vera e propria venerazione per quanto riguarda Napoli, odori e sapori inconfondibili di una terra fatta da mare, persone e sfogliatelle (ovviamente sto generalizzando perché Napoli possiedo tantissimi lati positivi e negativi), ogni pagina è un colpo al cuore che offre, a chi legge, un quadro di Napoli così vivo e concreto che desideri rivederla (nel mio caso perché la mia famiglia é napoletana) o vederla per la prima volta.

Un quadro così magnifico, dolce che dimostra quanto una persona possa amare la propria terra, confermato dalla biografia sul retro, Marilena è napoletana, come vincere facile 🙂

[Napoli mi chiamava. «Vieni, scendi». Ed io avevo bisogno di rivederla, riviverla, riabbracciarla, avevo bisogno di parlare con lei senza aprire bocca, di prendere un bel caffè e di mangiare la sfogliatella, di sentire la mia gente per strada parlare in dialetto. Di vivermi Napoli ancora, perché ovunque sarei andata nella vita, ovunque avessi trovato il mio posto nel mondo…Napoli teneva il mio cuore.]

Questo viaggio interiore porterà Sofia ad affrontare le sue paure e insicurezze insieme ad un piccolo amichetto, Lorenzo, un bambino incontrato nella pasticceria sotto casa che realizza le sfogliatelle migliori della zona. Un rapporto iniziato con estrema difficoltà, causa passato del bambino, che si evolve in un rapporto di amicizia forte e sincero. Scopriamo che Lorenzo e il padre vivono nell’albergo dove Sofia passava la sua infanzia con la cara nonna. Conosceremo diversi personaggi che avranno un ruolo medio/grande nella storia come lo zio Gaetano (ex dipendente dell’albergo, innamorato in segreto della nonna di Sofia), don Antonio (il nuovo proprietario) e Gen il figlio. Un passato molto travagliato insegue questi tre uomini e un maschietto che, Sofia, travolgerà con il suo carattere e modo di fare genuino e sincero.

Nasce un approccio senza nessun tipo di legame ma, come le storie d’amore insegnano, durerà poco.

Un libro che possiede diversi punti di forza, dalla descrizione dettagliata ma mai scontata o invadente di Napoli, hai dialoghi coincisi e sempre molto decisi, senza mezzi termini. Una scrittura molto scorrevole con i picchi momenti e dettaglio (necessari), dialoghi chiaritori e momenti di forte tensione dovuto dalla storia e dai ricordi che aleggiano intorno a questa famiglia. 

Grazie a questo libro ho conosciuto una ragazza che, citato dalla prefazione, scrive storie diverse dai soliti, con amori non convenzionali, fatti da spaccati della nostra società. 
Unica pecca che non posso trascurare e/o specificare: questo libro contiene diversi refusi di battitura a partire, dal più semplice, errore nello scrivere il nome della scrittrice nella pagina introduttiva all’interno del libro, via discorrendo, nei dialoghi simboli mancanti e tratti che posso aiutare nella lettura e rendere la storia ancora più credibile e chiara.

Questo punto è stato prontamente segnalato alla scrittrice, che mi conferma la problematica e spiegando nei migliori dei modi la situazione con le seguenti parole:

La versione ultima corretta é stata pubblicata da DM Edizioni (correttamente rivista da me e dall’editor), la copia della versione Deluxe contiene errori poiché non rivista come doveva. Danneggia sicuramente la mia immagine poiché tra l’altro é la copia con il contenuto extra. Non é la prima volta che dalla versione Deluxe giungano messaggi del genere. Un vero peccato. Gli Editor dovrebbero comprendere che l’autore viaggia sulle parole e loro hanno scelto un lavoro fatto di pazienza e scrupolosità mista. Ad oggi che mi occupo di autori sto ricevendo (non per colpa tua) una cattiva pubblicità sui miei scritti. Gli autori vanno seguiti, supportati e se ci sono dei servizi bisogna siano Seri e competenti. Detto questo io ti ringrazio veramente tanto poiché anche la tua critica ad oggi é di enorme utilità. Non immagini quanto.

Tengo, particolarmente, a questo punto perché una recensire deve essere riportata nella completa trasparenza sia nelle cose belle che nelle brutti, come in questo caso.

Altro piccolo dettaglio non trascurabile è la grafica della copertina. Secondo il mio parere poteva essere rifinito meglio e valorizzato nel complesso. Più personale, meno simbolico.

Questo non esula questo libro dai consigli d’acquisto perché, secondo me, possiede una bellissima storia, una lettura piacevole, diversa dal solito e creativa al punto giusto.
Consigliato, anche se da migliorare.

Un bacio dalla vostra Palma

2 risposte a "Recensione – La volta buona – Marilena Brassotti Ziello"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...