1° Appuntamento, Amministratrice @unteconlapalma, Open Blog

1° Open Blog – Km zero: ovvero basta girare l’angolo… – Antonio Accardi

Open Blog è l’iniziativa mensile creata su questo blog, per ulteriori chiarimenti clicca qui.

Articolo realizzato da @matilde.bella23

  • Titolo: Km zero: ovvero basta girare l’angolo…
  • Autore: Antonio Accardi
  • Prezzo: 2.99€
  • Pubblicazione self
  • Genere comico umoristico
  • Data pubblicazione: 6 luglio 2018

Trama

Un percorso umoristico per le strade di una grande città del sud (e a volte poco oltre), evidenziando con foto e didascalie le incongruenze, le stranezze, il grottesco e a volte la poesia involontaria che possiamo incontrare, letteralmente, dietro l’angolo. Antonio Accardi con questo suo primo libro ci invita insomma a una lunga passeggiata che diverte e stupisce: il mistero delle sedie appese agli alberi, insegne sgrammaticate, campagne elettorali disastrose, alberi dalle forme contorte, edicole votive nascoste, cani sciolti, gatti rannicchiati dentro presepi, e molto altro. L’effetto complessivo risulta umoristico e surreale, come d’altronde, spesso, la realtà stessa.

Biografia 

Antonio Accardi nasce nel 1943 a Salemi, in provincia di Trapani. Laureato in agraria e grande amante della campagna, ha insegnato ed. Tecnica alle scuole medie. Il piacere di passeggiare e ironizzare sulle stranezze incrociate per caso lo ha portato negli ultimi anni a scrivere Km zero, il suo primo libro, un viaggio umoristico per immagini e didascalie.

Un percorso umoristico per le strade di una grande città del sud (e a volte poco oltre), evidenziando con foto e didascalie le incongruenze, le stranezze, il grottesco e a volte la poesia involontaria che possiamo incontrare, letteralmente, dietro l’angolo. Antonio Accardi con questo suo primo libro ci invita insomma a una lunga passeggiata che diverte e stupisce: il mistero delle sedie appese agli alberi, insegne sgrammaticate, campagne elettorali disastrose, alberi dalle forme contorte, edicole votive nascoste, cani sciolti, gatti rannicchiati dentro presepi, e molto altro. L’effetto complessivo risulta umoristico e surreale, come d’altronde, spesso, la realtà stessa.

Open Blog è l’iniziativa mensile creata su questo blog, per ulteriori chiarimenti clicca qui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...